E-learning design, anche l’occhio vuole la sua parte


Il termine “e-learning design”, nell’ambito della formazione digitale, si riferisce a una serie di attività sinergiche: la struttura dei contenuti, l’interattività, l’integrazione della parte audio, lo studio degli scenari e la cura della parte grafica.

Inutile negarlo: l’estetica di un corso, in mancanza dell’interazione diretta con un docente, costituisce il suo biglietto da visita fondamentale, la prima cosa che colpisce chi lo svolge e un fattore in grado di condizionare enormemente il livello di coinvolgimento.

[dt_quote type=”blockquote” font_size=”big” animation=”none” background=”plain”]Il 90% delle informazioni trasmesse al cervello sono visive e il tuo cervello elabora le immagini 60.000 volte più velocemente delle parole.[/dt_quote]

L’importanza della grafica nel progettare corsi

Esistono due scuole di pensiero contrapposte, per quello che ho sperimentato in questi anni.
Chi si concentra solo sui contenuti e applica i principi dell’apprendimento con rara dimestichezza, ma trascura l’aspetto grafico in quanto superfluo.
Chi invece ritiene che un’estetica accattivante sia la condizione irrinunciabile per catturare l’interesse delle persone, e concentra su essa gran parte dello sforzo a discapito dello studio dei contenuti.

Strano, no?
Vi assicuro che questi due approcci sono spesso in contrapposizione, nonostante la sintesi tra le due scuole sia il compromesso ideale e quello più sensato.

Un corso visivamente divertente, ma studiato male, ovviamente non raggiungerà gli obiettivi formativi. Un corso esteticamente brutto o misero, seppur geniale, sarà poco coinvolgente e non coglierà comunque nel segno: il pensiero corre subito alle quintalate di corsi erogati per la formazione obbligatoria dei vari settori professionali.
Schermate così spoglie e noiose da far passare la voglia ancora prima di iniziare.

Questa considerazione è quella che mi ha spinta a iniziare a studiare Adobe Illustrator e a perfezionare l’uso di Photoshop, oltre che a cercare un bravo grafico da inserire nella rosa dei miei collaboratori.

Che uno sviluppatore e-learning mastichi conoscenze di grafica diventa ancora più fondamentale se considerate che ci sono clienti che non vogliono, o possono, investire parte del budget per pagare un professionista dedicato, o nemmeno uno stock di immagini a pagamento.

Principi di base di design

Quest’infografica riassume alcuni principi fondamentali di design da tenere a mente per un corso e-learning.

Avete notato? La parola d’ordine è “less is more”.

  • niente paura degli spazi bianchi, meglio usare pochi elementi e metterli in risalto
  • non usate più di due font, solitamente per distinguere i titoli dal testo normale
  • niente pagine “chiassose” dal punto di vista cromatico, tre colori sono sufficienti e possiamo giocare con le sfumature
  • immagini di alta qualità, coerenti con il contenuto e soprattutto coerenti tra loro. Stabilite fin dall’inizio se usare illustrazioni o fotografie e non mescolate gli stili. (L’unica eccezione accettabile ritengo sia uno sfondo fotografico per personaggi o elementi illustrati: se ben abbinato lo trovo un contrasto gradevole)
  • per i testi sfruttate gli elenchi puntati – tipo questo – aiutano ad alleggerire i contenuti e a fissare meglio i concetti
  • posizionate gli elementi della pagina in modo ordinato e secondo schemi ricorrenti lungo tutto il corso.

Gli elementi visuali

I contenuti del corso devono mantenere viva l’attenzione e non annoiare. Per questo è importante sfruttare una grande varietà di elementi, orchestrandoli con equilibrio nelle varie pagine.

  • Le animazioni non possono mancare: sincronizzano il testo all’audio evitando l’effetto soporifero della pagina statica e accompagnano i concetti più importanti a video sotto gli occhi degli utenti
  • Scegliete immagini e illustrazioni BELLE (sembra scontato, ma non lo è… vi siete guardati in giro?) e attinenti con il contenuto che descrivono
  • I video vanno utilizzati con parsimonia, a causa della pesantezza, ma sono sempre apprezzati a patto che non siano troppo lunghi
  • Le infografiche sono utilissime per rappresentare visivamente dei dati che, altrimenti, risulterebbero estremamente noiosi e poco incisivi
  • Lo stesso vale per i vari tipi di diagrammi, meglio ancora se animati o interattivi
  • Utilizzate uno o più personaggi che guidino gli utenti lungo il corso: è un’altra scelta vincente, che apre interessanti possibilità di personalizzazione. Possono inoltre rappresentare un punto di riferimento alternativo all’insegnante in carne e ossa. Non dimentichiamo che siamo animali sociali… chi più, chi meno 🙂

Il Mobile Learning

La progettazione di un corso oramai non può ignorare i dispositivi mobili e la grafica si deve adattare di conseguenza.
Web e cellulare sono oramai strettamente vincolati, tanto che la maggior parte di noi usa più il proprio smartphone rispetto a portatili e pc fissi per navigare in rete.
L’e-learning non può fare eccezione e deve darci la possibilità di svolgere i percorsi formativi in qualunque momento garantendo un’esperienza ottimale.

Strumenti come Articulate ci permettono di impacchettare i corsi in modo responsivo al momento della pubblicazione, ma l’errore frequente è quello di non strutturare adeguatamente gli elementi visivi e di navigazione in previsione di utilizzarli anche da schermi molto piccoli e touchscreen.

  • Se usate un template personalizzato, ricordatevi di creare bottoni di navigazione e menu comodi per l’utilizzo da smartphone.
  • Limitate effetti e animazioni eccessivi
  • I contenuti dovranno essere ingabbiati in modo da essere fruibili sia in orizzontale che verticale, lasciando meno spazio alla creatività: per questo è meglio affidare la parte “emozionale” a immagini e video a tutto schermo

Tenete a mente a chi è rivolto il corso e-learning

In questa rapida panoramica spero di avervi offerto spunti e linee guida utili per impostare correttamente il lavoro, o per capire se avete davanti un corso ben realizzato.
Naturalmente le idee e gli elementi che potete sfruttare sono moltissimi. Il miglior consiglio per trarre buone ispirazioni e imparare, è quello di studiare i lavori realizzati da altri esperti del settore o curiosare tra gli archivi di siti come E-learning Heroes di Articulate.

Ricordatevi di mettervi sempre nei panni di chi farà il corso: avere chiaro il target finale e il suo obiettivo di apprendimento è la base di partenza fondamentale per strutturare contenuti efficaci, sia testuali che visivi.

E-learning in Italia, a che punto siamo?


Mercoledì 21 marzo ho avuto modo di partecipare al Masterclass organizzato da MosaicoElearning a Milano.
Un’occasione di formazione, ma anche uno spunto di riflessione sulla situazione attuale dell’e-learning nel nostro paese.
Per la prima volta dopo 8 anni di lavoro in questo ambito ho potuto partecipare a un evento dedicato: perchè in passato non sono mai riuscita a confrontami in un evento ufficiale con i colleghi del mio settore? Pigrizia? Disinformazione?
Tutt’altro.

Perchè l’e-learning nel nostro paese arranca?

Fino a pochi anni fa una giornata di questo tipo non era immaginabile. Oggi pian piano qualcosa sembra cambiare: una sempre maggiore consapevolezza delle opportunità di questo settore, l’aumento delle occasioni reali e dei luoghi virtuali di aggregazione.

(A tal proposito segnalo il recente gruppo Facebook “eLearningVincente Community“, il fondatore ho avuto il piacere di incontrarlo proprio in occasione dell’evento milanese).

Il fatto è che mentre nel resto del mondo l’e-learning riscontra da tempo un trend di decisa crescita, in Italia (senza alcuno stupore) siamo rimasti parecchi passi indietro.

Dopo un iniziale boom vissuto tra la fine degli anni 90 e l’inizio del 2000, sono seguiti lunghi anni di stagnazione, quando non di declino.
Solo in tempi recenti c’è stata una ripresa significativa e il settore sembra rivivere una nuova stagione promettente.

Quali sono i maggiori ostacoli incontrati in Italia?
Tra le cause di questa situazione c’è sicuramente la scarsa cultura digitale che permea la nostra società a ogni livello, da quello aziendale a quello “popolare”, affiancata a pari merito ad una visione oramai superata della formazione. Questa è vista solo come una tappa obbligata in molte realtà aziendali, che pensano solo a raggiungere i requisiti richiesti di volta in volta con la minima spesa, senza curarsi troppo dell’esperienza dell’utente.

Pensateci: non è un caso che nella nostra lingua non esista un corrispettivo soddisfacente del termine inglese learner, spesso tradotto con un triste “discente” o con “studente”: nessuno dei due termini riesce ad abbracciare l’interezza del ruolo che vorrebbe definire.
(Ho scritto un post su Pulse a riguardo, tempo fa).
Solo questo la dice lunga sul quadro generale.

I principali limiti nei corsi e-learning

Da un punto di vista pratico, chi si sia mai trovato a creare un corso su commissione, si è sicuramente scontrato con uno o più di questi problemi:

[dt_list style=”1″ bullet_position=”middle” dividers=”true”]

[dt_list_item image=””]budget scarni;[/dt_list_item]

[dt_list_item image=””]necessità di soddisfare un monte ore obbligatorio, a discapito della qualità dei contenuti. In questo contesto, i corsi sulla sicurezza sul lavoro sono quelli che risentono maggiormente di tale limite, pur trattandosi di un argomento molto richiesto;[/dt_list_item]

[dt_list_item image=””]scarsa interattività presente nei meccanismi del corso, che si traduce in noia;[/dt_list_item]

[dt_list_item image=””]contenuti spesso illeggili su mobile, sia per formato che per organizzazione;[/dt_list_item]

[dt_list_item image=””]dinamiche obbligate di navigazione: un avanzamento lineare che lascia poco spazio all’iniziativa di chi svolge il corso, imbrigliandolo in percorsi rigidi e uguali per tutti. [/dt_list_item]

[/dt_list]

 

L’evoluzione della formazione in Italia

È chiaro da tempo che occorra un’evoluzione in ambito formativo, abbracciando finalmente a ogni livello il concetto di Life Long Learning e comprendendo l’importanza della partecipazione attiva delle persone nel processo di apprendimento.

Le nuove parole d’ordine devono essere [dt_highlight color=”” text_color=”” bg_color=””]web learning[/dt_highlight], [dt_highlight color=”” text_color=”” bg_color=””]sistemi aperti[/dt_highlight], [dt_highlight color=”” text_color=”” bg_color=””]collaborazione[/dt_highlight], [dt_highlight color=”” text_color=”” bg_color=””]interazione[/dt_highlight].

L’obiettivo di eventi come quello di Mosaico, di siti come questo, delle community dedicate e di ogni singolo professionista di questo settore, dev’essere quello di diffondere una nuova cultura e-learning in Italia, che superi la noia e la ripetitività della formazione obbligatoria e l’attuale predominio dell’efficienza a discapito dell’efficacia, ossia di un apprendimento partecipato che non si prefigga il semplice raggiungimento dei parametri richiesti dalle diverse normative.

I mezzi ora ci sono, è arrivato il momento di concentrarci sui contenuti.