Adobe Captivate: i bottoni e la loro gestione


Se lavorando con Adobe Captivate vi siete imbattuti in comportamenti anomali e inspiegabili dei bottoni, questo è il post che fa per voi.
O almeno, è il post che avrei voluto trovare un mese fa, quando mi sono picchiata con una serie di comportamenti poco intuitivi legati allo sviluppo di corsi con questo software.
Non a caso il posto più alto del podio in quanto a usabilità, al momento, spetta ad Articulate Storyline 360.

Lo stato dei bottoni in Captivate

Qualunque sia stata la difficoltà riscontrata, ci sono ottime probabilità che dipenda dal modo in cui avete gestito lo stato dei bottoni.
Lo “stato” di un oggetto corrisponde all’aspetto che esso assume al verificarsi di una determinata azione. Ad esempio, un bottone che, dopo il click, cambia il suo colore, avrà uno stato “Normal” in cui è blu e uno stato “Visited” in cui è verde.
Questo comportamento è comune a molti Authoring Tool del mondo e-learning, chi ha già utilizzato Storyline lo conosce bene.
Ogni software ha un pacchetto di stati nativi (come Normal, RollOver, Visited) molto comodi, perché associano automaticamente allo stato l’azione eseguita
senza che voi dobbiate intervenire. Per esempio, l’aspetto che un bottone assume mentre il mouse ci passa sopra, allo stato RollOver.
In Adobe Captivate, al momento della creazione di un bottone (o della trasformazione di una SmartShape in bottone), compaiono in automatico 3 diversi stati nativi associati a esso:

  • Normal
  • Rollover
  • Down
I tre stati creati automaticamente nei bottoni di Adobe Captivate 2019

Ecco, non rimuovete questi stati, nemmeno se prevedete di non farne uso.
Nel mio caso, ho avuto a che fare con un corso preesistente, su cui ho rimesso mano, dove lo stato “Down” (l’aspetto che il bottone assume durante il click) di Next era sparito.
Questo ha causato un bug per cui, a ogni click, il bottone diventava sempre più piccolo fino a risultare illeggibile. Considerando che sto parlando di un tasto creato ad hoc per l’avanzamento, non un problema da poco.
A pagina 10 era già inutilizzabile.

Stessa cosa capitava in alcuni bottoni con hint, ossia con un suggerimento che compare al passaggio del mouse su di essi. Dopo la prima apertura del corso, chiudendolo e avviandolo nuovamente, gli hint risultavano automaticamente presenti e “freezati” su tutti i bottoni, senza il passaggio del mouse. E rendendo gli stessi incliccabili.

Dopo qualche ore passata a cercare di capire il motivo dei comportamenti assurdi, ho ricreato casualmente da zero uno dei bottoni incriminati. Mi sono così resa conto che c’era uno stato di default in più rispetto a prima e, ripristinandolo, ho risolto tutte le anomalie riscontrate.

L’uso delle SmartShape per i bottoni di navigazione

I bottoni “incriminati”, come dicevo, erano bottoni di navigazione personalizzati presenti in tutte le pagine del progetto: Play, Pausa, Avanti, Indietro, Audio on/off.

In Adobe Captivate 2019, per bottoni di questo tipo è preferibile utilizzare le SmartShape e, se il corso ha un layout particolare, impostare come riempimento una specifica immagine.

Perché questo rigiro, invece di utilizzare direttamente un’image button?

Perché text button, transparent button e Image button non possono essere utilizzati all’interno delle master slide e non è possibile impostare la loro durata come “Rest of the project”.

Il che significa che dovrebbero essere inseriti in ogni pagina del corso. E che andrebbero modificati/sostituiti tutti in caso di modifiche al loro aspetto o alle loro funzionalità.

Usare una SmartShape permette invece di inserirla all’interno della master slide o di impostarne la durata per tutto il progetto, creando un solo elemento per ogni tipo di bottone.

Adobe Captivate 2019: SmartShape, opzione "use as button"
La casella “Use as button” per le SmartShape
L'opzione Image fill per le SmartShape in Adobe Captivate 2019

Per impostare un’immagine come sfondo della SmartShape, andate nella sezione Fill, cliccate sul menu a tendina Solid e selezionate “Image Fill”.

Questo semplice accorgimento vi semplificherà notevolmente la gestione dei bottoni di navigazione (o di qualunque bottone reiterato lungo tutto il progetto), con notevole risparmio di tempo e salute mentale.